Palazzo Strozzi

Palazzo Strozzi visto dall’omonima piazza

Età

1489-1538

Progettisti

Benedetto da Maiano, Giuliano da Sangallo, Simone del Pollaiolo, Baccio d'Agnolo

Il palazzo, situato fra Piazza Strozzi e Via de’ Tornabuoni, rappresenta uno dei migliori esempi dell’architettura rinascimentale. I lavori di edificazione, voluti dal ricco mercante Filippo Strozzi, iniziarono nel 1489 su progetto di Benedetto da Maiano. Il cantiere venne seguito da Giuliano da Sangallo e successivamente da Simone del Pollaiolo che apportarono modifiche al disegno iniziale. Sebbene fosse ancora incompiuto, il palazzo fu abitato dalla famiglia Strozzi a partire dal 1504; i lavori ripresero nel 1523, probabilmente sotto la direzione di Baccio d’Agnolo, per interrompersi definitivamente nel 1538. In epoca più recente, il palazzo, ha subito diversi interventi di restauro fra cui quello importante, eseguito da Giuseppe Poggi fra il 1863 e 1865. La proprietà del palazzo fu mantenuta dalla famiglia Strozzi fino al 1937; dal 1999 si trova sotto la gestione del Comune di Firenze.

Il palazzo è realizzato in Arenaria Pietraforte; le colonnine delle bifore e la cornice del tetto sono realizzati in Arenaria Pietra Serena; le panche di via che circondano i tre lati del palazzo sono in Arenaria Pietraforte.

L'ingresso di Palazzo Strozzi in Arenaria Pietraforte
La cornice del tetto e le colonnine delle bifore in Arenaria Pietra Serena